Giornata Mondiale della Prematurità

 

nati-prematuri-fanno-fatica-ad-affermarsi-nella-vita-2
Il 17 novembre si celebra la Giornata Mondiale della Prematurità.
Ogni anno, circa 15 milioni di bambini nascono prima del termine e ben un milione non sopravvive. Globalmente, un neonato su 10 nasce prematuro. In occasione di questa giornata, in tutto il mondo verranno illuminati monumenti o punti di interesse con il colore viola (colore che nel mondo rappresenta la prematurità). I bambini nati prima del termine, in generale, presentano un più elevato rischio di complicazioni per la salute e condizioni croniche che possono avere un impatto sul loro sviluppo futuro e sulla vita quotidiana. Spesso le pratiche ospedaliere sono, nella maggior parte dei casi, focalizzate sulla stabilizzazione dei parametri vitali del bambino. Ruolo dello psicologo sarà quello di accompagnare e sostenere la coppia in un percorso di accompagnamento ad quel processo di genitorialità interrotto prematuramente, che si forma proprio durante le quaranta settimane di gestazione. Innumerevoli studi presenti in letteratura si sono focalizzati sugli aspetti fisiologici del parto prematuro, ma è necessario accogliere tale nascita attraverso un modello bio-psico-sociale che abbracci in maniera esaustiva il significato di un evento così importante nella vita del bambino e dei genitori. E’ necessario promuovere un modello di assistenza individualizzata caratterizzato da maggiore attenzione al coinvolgimento della famiglia nelle cure del bambino e al supporto dei genitori. Genitori, troppo spesso, lasciati soli negli innumerevoli vuoti che una nascita così improvvisa inevitabilmente comporta. Una mamma e un papà prematuri necessitano di calore, accoglienza, silenzi, rispetto, cure. Proprio come il loro bambino. Bisogna saperli sfiorare, senza invadere il loro spazio, già sconfinato dall’imprevedibile. E accompagnarli, un passo indietro, rispettando la giusta distanza emotiva, che permette loro di andare avanti, nonostante tutto. I genitori pretermine hanno sguardi pieni di domande in attesa di risposte, e ogni silenzio non spiegato destabilizza un equilibrio difficile perché fatto di attimi e di segnali. Perché cambia tutto, e i 5 sensi si amplificano per cogliere anche il più piccolo segnale del proprio bambino. E un mondo finora sconosciuto diventa casa, dove suoni innaturali si trasformano in ninne nanne per tutti i piccoli guerrieri. Dove è facile riconoscersi e sostenersi, ognuno con la sua storia e le sue paure, mentre le ore scorrono e la speranza cresce. I genitori pretermine sono genitori in battaglia, genitori che guardano le loro paure più grandi negli occhi e sfidano l’imprevedibile, che graffiano la vita accarezzando i cuori dei loro bambini. Ecco perché, nonostante i progressi nelle cure neonatologiche, la nascita pretermine continua a rappresentare un evento potenzialmente traumatico per i genitori e per lo sviluppo del loro bambino. Questo rende necessario un intervento di prevenzione e trattamento in grado di rispondere efficacemente alle esigenze psicologiche della triade madre-papà-bambino e al bisogno di riprendere quel processo di genitorialità bruscamente interrotto e iniziato durante i mesi dell’attesa.
M. Cecilia Gioia
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...