Quando i pois fanno rumore.

Non voglio guardare.

Forse perché non c’è spazio per queste giovani vite.

E le immagini scorrono veloci, perché non ho tempo. Non voglio tempo.

Difficile soffermarsi su ciò che si fa fatica a contenere.

Del resto, quei colori dei vestitini bagnati, ti si appiccicano addosso, come una seconda pelle.

E ti soffocano i pensieri.

E la coscienza.

Sono piccoli figli, ed è per questo che è giusto dargli piccola attenzione. O sbaglio?

Sono piccole storie, alcune rosa, altre a pois.

Sono piccole mani per contenere grandi sogni che non conosceranno più.

Sono figli di noi.

Del nostro sordo egoismo che anestetizza sentimenti ed emozioni.

Perché siamo tutte madri di pance che brontolano.

Siamo tutte donne che urlano lo strazio di figli che galleggiano senza vita in un mare troppo nero.

Siamo tutte mani che hanno lasciato scivolare vite troppo giovani, abbandonandole in un liquido amniotico che sa di morte.

No, meglio non guardare.

Meglio continuare a vivere la nostra vita, con i suoi ritmi e problemi quotidiani.

In fondo non è la prima strage e non sarà, probabilmente l’ultima.

Ci si abitua, sai?

Anche alle immagini più dure.

Ci si sofferma sui dettagli per evitare l’insieme.

Come quei pois, dal silenzio assordante.

Cecilia Gioia 

2222

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...